Phobos

  • Categoria dell'articolo:Interview
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti

Ci raccontate la genesi di “ Registrazioni Crude “ ?

Massimo Campodonico Una volta deciso di voler registrare i nostri lavori sono emersi 3 problemi principali:il tempo per trovarci tutti assieme in uno studio è difficile da trovare; non è molto chiaro chi siano i ‘tutti assieme’; uno studio potrebbe non essere il luogo più adatto a farci rendere al massimo a meno di non essere in una situazione stile Bron Y Aur (e si torna al primo problema).

Abbiamo pensato di sfruttare le possibilità del digitale e registrare in diretta le nostre improvvisazioni, le registrazioni sono imperfette, si portano dietro rumori di sottofondo e non sono state quasi editate. Sono, per l’appunto,crude,  ci sono l’ispirazione, i sentimenti e i limiti del momento in cui sono state suonate.

Bjorn Giordano “Registrazioni Crude”, come detto da Massimo, è figlio della necessità e da alcune considerazioni pratiche legate alla natura delle sonorità utilizzate.

Far rendere in uno studio di registrazione le riflessioni delle frequenze armoniche prodotte dagli strumenti  e il modo che hanno di intrecciarsi si rivelerebbe problematico.

“Registrazioni Crude” è musica fossile, ambientale nel senso più stretto, una scaglia di quello che si sente dal vivo e ovviamente un primo passo nell’elaborare una tecnica di registrazione ambientale efficace.

In breve un “bootleg live”.

La percezione soggettiva di chi è all’interno del cerchio dei musicisti è una sorta di spaesamento dovuto al fatto di non sapere più se è la propria voce a produrre un determinato armonico oppure un altro o più strumenti.

E’ un’esperienza singolare.

hqdefault

Ci puoi parlare delle vostre improvvisazioni ?

Massimo Campodonico Sono momenti di condivisione di un gusto comune per la psichedelia, la musica etnica e ambient. Quando va bene. Quando va male sono una passeggiata nel labirinto alla ricerca del filo perduto.

Bjorn Giordano Da quei momenti erratici vengono spesso estrapolate, analizzate e successivamente elaborati nuovi schemi musicali.

Quali strumenti usate ?

Massimo Campodonico Principalmente hang drum, didjeridoo, chitarre acustiche, basso elettrico, tablas e campane tibetane ma dipende da chi c’è a suonare ogni volta, ci sono state serate a base di chitarra, basso e didjeridoo e serate con scacciapensieri, sitar, pianoforte, flauto…

Bjorn Giordano Se qualcuno si presentasse con una zucca elettrica sarebbe il benvenuto… eh eh!

Come avete reperito gli strumenti ?

Massimo Campodonico Molti sono reperibili nei negozi di strumenti o di artigianato etnico, altre volte internet ha mostrato la via.

Dove trovate l’ispirazione ?

Massimo Campodonico Nella birra e nell’umore del momento.

Bjorn Giordano  Moltissima birra, bevanda sciamanica per eccellenza.

Il vostro è un modello aperto e partecipato di musica, ne siete soddisfatti sia artisticamente che umanamente ?

Massimo Campodonico E’, alle volte, un limite, se si vuole costruire un repertorio suonare quasi sempre con persone diverse ma è anche molto stimolante per lo stesso motivo. E’ una bella avventura.

Bjorn Giordano Essendo un modo di suonare che non si appoggia a modelli rigidi ci si riscopre spesso a guardarsi negli occhi e ad ascoltare gli altri. E’ una sorta di via silenziosa alla conoscenza degli altri partecipanti.

Un bellissimo cammino nel quale siamo stati invitati da Alberto Pedevilla.

Grazie mille

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.